8ª giornata – Rivincita biancomalva, una vittoria da Bruchner

Il Borgomalva sa che una quota importante di salvezza passa attraverso le gare interne contro le prime della classe. E così prova a giocarsela con coraggio. L’attacco di The Haslets spaventa, l’obiettivo è tagliare i rifornimenti al suo tridente prevalendo a centrocampo. Ma è molto, molto, molto rischioso.
Bruchner cambia modulo, rispetto alla sconfitta di sette giorni fa: da 4-5-1 a 3-5-2, sacrificando a sorpresa il nuovo acquisto Plugaru per una punta vera, Gottarelli, che torna titolare a fianco a Bieberstein.
Il primo tempo, dopo un’iniziale fase di studio, è scoppiettante, con azioni da una parte e dall’altra. Il vantaggio di The Haslets è merito di una percussione centrale di Osso, che salta Bruchner e sfonda: 0-1 all’11’.
Il Borgomalva fatica, ma poco per volta crea i presupposti per il pareggio: splendida azione di Bieberstein, che finalmente sta rendendo in proporzione al suo valore, e tiro a rientrare che lascia di stucco il portiere: 1-1 al 23’.
Osso sfiora subito il nuovo vantaggio ospite, su calcio di punizione indiretta, imitato un istante dopo ancora da Bieberstein: conclusione fuori di un niente.
I “Muli” mettono la testa avanti grazie a una sovrapposizione di Erhard Bollmann sulla sinistra. Stangata sul primo palo, al 31’ lo Stadio del Borgo è una polveriera. 2-1.
Pochi minuti dopo, la gioia si tramuta in angoscia. Lo stesso Bollmann si ritrova a terra, molto dolorante: i legamenti della caviglia sono saltati e, vista l’età, 37 anni e 100 giorni, la stagione – e forse la carriera – possono dirsi virtualmente concluse. Entra Mangini, è in forma, ma non è la stessa cosa.
Il primo tempo si conclude senza altri fatti degni di nota. Dagli spalti arriva qualche timido applauso: il Borgomalva sin qui ha fatto benissimo, ma il grave infortunio del tedesco rischia di condizionare pesantemente la ripresa.
Con rabbia, i biancomalva si riversano in avanti a caccia della rete della sicurezza. Bruchner scarica tutta la tensione – su punizione – contro la traversa. Ilič fallisce dopo uno spunto positivo sulla sinistra. Le occasioni fioccano, a centrocampo Del Nero, Ilič e Pasinato dominano: la fase offensiva, però, si svolge in modo impreciso, con Bonetti e Ilič protagonisti di errori piuttosto gravi.
Per fortuna ci pensa Bruchner. L’allenatore-giocatre, sempre più leader del gruppo, fa valere tutta la sua classe. Al 78’ il primo tiro finisce sulla traversa, ma il secondo gonfia la rete. 3-1!
La linea mediana del Borgomalva chiude ogni tentativo di rimonta fino alla fine. Si fa male Camasta, per una botta al costato, infine Del Nero – un gigante in mezzo al campo, il migliore di oggi – sfiora la marcatura personale.
Successo cercato, voluto, meritato: il Borgomalva di Bruchner ha la giusta dose di cattiveria per salvarsi ancora e – magari – per togliersi qualche piccola soddisfazione.
Dopo l’8ª giornata, la classifica della Serie VI.931 recita: 1º Colombaro 18; 2º The Haslets 14; 3º Borgomalva 13 (+3); 4º Roman Vipers 13 (+1); 5° Toto’s Fishing Trout 12; 6º Gufoccer 10; 7º Villa d’Agri 9; 8º Volpino United 1.
«Non facciamo voli pindarici, la settima in classifica ha solo quattro punti in meno di noi ed è il Villa d’Agri, squadra che a mio avviso ha tutte le carte in regola per salvarsi» ha detto l’allenatore tedesco mantenendo altissima la tensione. Il suo carisma è percepito da tutti. Mancherà Bollmann? «Bisognerà impegnarsi ancora di più».

About mulora