Giovanili Archive

0

Hinterstocker difficilmente sarà un campione

Il neo arrivato nel vivaio biancomalva ha padre tedesco e madre piemontese: Torsten Hinterstocker, selezionato tre giorni fa da Felice Fossati, è arrivato al Borgo accompagnato da una certa attesa. Purtroppo la partita disputata contro l’FC 4444 (Moldavia), pur vinta 4-1, non ha messo in mostra un particolare talento nel ragazzo, schierato attaccante.
«È un 15enne ed è già insufficiente in passaggi, ma non migliorerà. In attacco potrà al massimo diventare debole, così come in difesa. Speriamo in un talento in cross e in regia, oltre che in qualche specialità, ma le possibilità che diventi un campione si sono ridotte sensibilmente», dice senza alcun ottimismo l’allenatore Antonio Stimoli.
Per la cronaca, hanno segnato Cantarini (doppietta), Alberti e Ilari.

0

Ravera non sembra avere particolari qualità

Altra settimana piuttosto deludente, per lo scouting biancomalva. È stato scelto Alberto Ravera, un ragazzo di 16 anni e 54 giorni, complessivamente insufficiente (debole in attacco, in prospettiva debole in cross). Arriva dalla Valle d’Aosta, segnalato da Fabio Trequattrini.
Prende il posto di Alan Di Muzio, lasciato libero nella serata di ieri.

0

Di Muzio, la velocità non lo ha salvato

Tempo di scelte, nel settore giovanile del Borgomalva. Alan Di Muzio è stato scartato da Antonio Stimoli. Il sedicenne, campione di velocità, non aveva purtroppo alcuna skill interessante. Si aspetta con ansia l’arrivo di un nuovo talento, domattina.

0

Balzaretti ha tutto da dimostrare

Si chiama Andrea Balzaretti, il nuovo prospetto del Borgomalva Junior. È giovane (15 anni e 69 giorni) ma ha davvero tutto da dimostrare.
Benedetto Tardini, che l’ha portato al Borgo dalla Valle d’Aosta, sostiene che sia scarso in difesa e possa diventare debole in passaggi. La speranza di tutti è che ci sia qualche dote da scoprire, altrimenti il ragazzo non avrà futuro.

0

L’ala Musi tenta la fortuna

Non sarà facile, per Gaetano Musi, farsi strada nel mondo del calcio professionistico. Il giovane elemento di fascia, accettabile in cross e passaggi, è stato promosso oggi in prima squadra. Lo penalizza la mancanza di specialità e un’età non più tenerissima, 17 anni e 58 giorni: «Io comunque ci spero. Chissà di non avere un po’ di fortuna», ha affermato Gaetano.

0

Ferrazzi prende il posto di Li Causi nel vivaio

Volti tirati, nel vivaio biancomalva. La promozione di Mauro Li Causi toglie un valido elemento dalla rosa e il suo sostituto, il 16enne valdostano Andrea Ferrazzi, non sembra all’altezza.
«È un elemento complessivamente insufficiente – lo ha presentato lo scout Fabio Trequattrini -. Attualmente è debole in passaggi e potrà diventare insufficiente in regia». Non si segnalano altre doti particolari. I 16 anni e 34 giorni non fanno fare salti di gioia all’allenatore Antonio Stimoli.

0

Li Causi, il miglior crossatore del vivaio

Difficilmente Mauro Li Causi troverà un posto nelle rotazioni d’allenamento della prima squadra. Però, con la sua buona attitudine al cross, associata insufficienti doti di difesa e d’attacco, potrà quasi certamente trovare ingaggio altrove.
Promosso in prima squadra a 17 anni e 31 giorni, quest’imprevedibile uomo di fascia dai capelli lunghi e rossi lascerà un buon ricordo a Borgomalva. Era stato scoperto da Felice Fossati in Piemonte, ma la famiglia è di chiare origini siciliane.

0

Di Muzio, dubbi e speranze

«Non so se abbiamo fatto bene a dare una chance ad Alan Di Muzio. Però Benedetto Tardini ha fatto di tutto per ottenere quest’opportunità». Antonio Stimoli non nasconde dubbi e perplessità sul nuovo innesto nel Borgomalva Junior: un ragazzo ligure di 15 anni e 105 giorni, velocissimo ma apparentemente non molto dotato. Debole in regia, potenzialmente debole in passaggi.
«Sono sicuro che ha delle qualità importanti da scoprire», afferma lo scout che l’ha proposto.

0

Retroguardia concentrata? Si può anche dilagare

Con Cuni in porta e una difesa a cinque molto solida, ben protetta da un centrocampo votato all’interdizione, il Borgomalva Junior ha disputato una partita accortissima, riuscendo a colpire il Wallace Clan (Belgio) ben quattro volte. Le reti, in questo match di torneo, sono state firmate da Barlocco, Ferri, Li Causi e Lantieri.

0

Un altro difensore da crescere: Ceretta

Valerio Ceretta parte con una grande dote e un difetto: la dote è la sua formazione già avanzata in difesa, accettabile, cui va sommata un’identica prospettiva in regia; il difetto è l’età, 16 anni e 10 giorni (e quei 10 giorni possono fare la differenza sul piano economico, in vista della vendita).
Si tratta comunque di un validissimo prospetto su cui lavorare, insieme ad altri compagni del vivaio che necessitano di allenamenti in difesa. Ceretta è stato selezionato da Fabio Trequattrini in Valle d’Aosta.