Giovanili Archive

0

Chirizzi al posto di Hinterstocker

Il vero campione continua a mancare, nel vivaio del Borgomalva F.C.. Anche questa settimana il nuovo innesto – scovato da Fabio Trequattrini in Valle d’Aosta – è un discreto giocatore e niente più.
Mauro Chirizzi ha 16 anni esatti. Tremendo in passaggi, può diventare accettabile in regia. Basterà?
Per fargli posto è stato salutato Torsten Hinterstocker, che non ha mai davvero dato l’impressione di poter diventare un professionista.

0

Tempo di vendite: Di Biagio e tre giovani sul mercato

L’esperienza di Fernando Di Biagio nel Borgomalva F.C. volge al termine. Il valido difensore-centrocampista romano, proveniente dalla Dinamo Perseus, è stato infatti messo sul mercato a offerta libera. «Abbiamo bisogno di sfoltire la rosa e preferiamo puntare su elementi cresciuti in casa e soprattutto più giovani», ha spiegato il presidente Giorgio Mulora, non prima di aver ringraziato Di Biagio per la sua dedizione e la sua professionalità.
Insieme a Di Biagio sono stati inseriti in lista-cessioni tre giovani di 17 anni: Gian Carlo Rivale, che era già stato sul mercato inutilmente, e i neo-promossi Franco Forti e Andrea Ferrazzi. Si tratta di due elementi dotati di grande velocità: il primo, 17 anni e 1 giorno, è un difensore insufficiente con buona predisposizione al passaggio (20 presenze e 1 rete nel vivaio); il secondo, 17 anni e 41 giorni, è insufficiente in difesa e regia, nonché accettabile in passaggi (18 presenze e 5 reti nel Borgomalva Junior). «Speriamo di riuscire a trovare un ingaggio da professionista a tutti e tre. O almeno a un paio di loro», ha concluso Mulora.

0

Carlo Niccolai, talento anziano

Il talento non è nulla senza l’età. Ecco il perché dei musi lunghi in casa Borgomalva Junior, dopo l’arrivo di un bel talentino come Carlo Niccolai: debole in attacco, futuro insufficiente in cross, ma soprattutto accettabile nel complesso. «Non c’è specialità apparente e soprattutto ha già 16 anni e 83 giorni», sentenzia Antonio Stimoli, rimproverando implicitamente lo scout Felice Fossati di non aver individuato prima, sui campetti piemontesi, il ragazzo. D’altro canto, nessun osservatore, prima d’ora, lo aveva contattato per un provino.
«Sono comunque grato al signor Fossati e al club biancomalva per l’occasione che mi è concessa – dice Niccolai, tutt’altro che uno sprovveduto -. Cercherò in ogni modo di dimostrare che valgo la prima squadra».

0

Promosso Rivale, salutato La Bella

Destini opposti, per due ragazzi del vivaio biancomalva.
Gian Carlo Rivale, nel giorno del suo diciassettesimo compleanno, è stato promosso in prima squadra. Ala accettabile, insufficiente in difesa e in regia, imprevedibile (per quanto tremendo in passaggi), potrebbe essere venduto oppure restare in organico, in caso di ringiovanimento in vista della nuova stagione.
Ferruccio La Bella, che invece non aveva alcuna caratteristica importante, è stato invece salutato.
Al momento i ragazzi delle giovanili sono dunque solo quattordici: «Speriamo domani di poter integrare il gruppo con una vera promessa», è l’auspicio, a dire il vero un po’ sconsolato, di Antonio Stimoli.

0

Tito Tresoldi: sperare si può

Tito Tresoldi è giovanissimo: 15 anni e 47 giorni. Scoperto da Felice Fossati in Piemonte, non era mai stato valutato (e scartato) da alcuno scout. Le sue qualità generali sono stimate a un livello insufficiente: ed è gran cosa, di questi tempi, al Borgo. Debole in regia, potrebbe diventare insufficiente in difesa.
«Speriamo. Sento che possiamo credere in qualcosa di positivo», commenta – finalmente sorridente – l’allenatore Antonio Stimoli.

0

Vivaio sterile, Cavaliere non è meglio di Gioveni

Graziano Gioveni non era granché ed è stato scartato, ma Andrea Cavalieri – il suo sostituto nel vivaio biancomalva – non sembra più promettente. Selezionato in Valle d’Aosta da Fabio Trequattrini, ha 16 anni esatti ma ha già alle spalle ben tre “no” da parte di altri settori giovanili. Insomma: essendo debole in attacco e potenzialmente debole in difesa, non sembra avere alcuna chance di professionismo.

0

Esce Ravera, entra il promettente Cesano

Due ragazzi piemontesissimi, che più piemontesi non si può. Andrea Ravera lascia il gruppo del Borgomalva Junior: troppo scarse le sue doti a quasi 17 anni; lo rileva Alessandro Cesano, debole in cross e potenzialità accettabili in attacco.
Cesano è stato selezionato da Benedetto Tardini in Liguria, dove il ragazzo stava trascorrendo il periodo estivo: ha 15 anni e 96 giorni e tanto margine di miglioramento. «Ci voleva, un prospetto così», ha detto con un po’ di sollievo il presidente Giorgio Mulora.

0

Hinterstocker difficilmente sarà un campione

Il neo arrivato nel vivaio biancomalva ha padre tedesco e madre piemontese: Torsten Hinterstocker, selezionato tre giorni fa da Felice Fossati, è arrivato al Borgo accompagnato da una certa attesa. Purtroppo la partita disputata contro l’FC 4444 (Moldavia), pur vinta 4-1, non ha messo in mostra un particolare talento nel ragazzo, schierato attaccante.
«È un 15enne ed è già insufficiente in passaggi, ma non migliorerà. In attacco potrà al massimo diventare debole, così come in difesa. Speriamo in un talento in cross e in regia, oltre che in qualche specialità, ma le possibilità che diventi un campione si sono ridotte sensibilmente», dice senza alcun ottimismo l’allenatore Antonio Stimoli.
Per la cronaca, hanno segnato Cantarini (doppietta), Alberti e Ilari.

0

Prospettive buone per Leonardo Ilari

Prospettive buone! Certo, la skill promettente è passaggi, ma in un periodo di magra come quello che si vive al Borgo fare gli schizzinosi sarebbe incomprensibile.
Leonardo Ilari, 15 anni e 76 giorni, scoperto da Fabio Trequattrini in Valle d’Aosta parte da debole in attacco: «Vedremo presto se si tratta di un giocatore offensivo o difensivo», spiega l’allenatore Antonio Stimoli.
Ilari prende il posto di Riccardo Reccia, davvero poco performante.

0

Ravera non sembra avere particolari qualità

Altra settimana piuttosto deludente, per lo scouting biancomalva. È stato scelto Alberto Ravera, un ragazzo di 16 anni e 54 giorni, complessivamente insufficiente (debole in attacco, in prospettiva debole in cross). Arriva dalla Valle d’Aosta, segnalato da Fabio Trequattrini.
Prende il posto di Alan Di Muzio, lasciato libero nella serata di ieri.