Partite Archive

0

2ª giornata – Sconfitti ma con buone sensazioni

Nonostante la sconfitta subita – 4-2 allo Stadium Colombaro – il Borgomalva F.C. torna dall’Emilia Romagna con buone sensazioni. «Abbiamo capito che la strada verso la salvezza, pur durissima, non è impossibile – ha affermato in sala stampa il capitano Tautminas Gudas, che parla inglese ma sta imparando l’italiano con una velocità sorprendente -. A lungo siamo riusciti a tenere inchiodati sul pareggio i quotatissimi avversari. Non saremo delle vittime sacrificali».
Gudas ha poi esaltato lo schieramento tattico disposto dall’allenatore Grantham, che ha disegnato una squadra accortissima, in grado di chiudere bene in difesa e di colpire in contropiede sulle fasce (quella sinistra in particolare, dove lo stesso Gudas era supportato da Bonetti in spinta e da Gottarelli attaccante verso l’esterno). La retroguardia si è giovata anche dell’esperienza di Bollmann, Mangini Natov, con Di Biagio a completare il reparto. In mediana, due registi come Pasinato e Ilic e – sul versante opposto a Gudas – un buon Levorato.
«Il 2-5-3 del Colombaro ha una potenza d’attacco centrale impressionante – ha commentato Di Biagio, autore di una bellissima rete di testa -. Contenere un campione come Osvaldo Carp non era semplice: ci siamo riusciti a lungo».
Cesco ha portato in vantaggio i padroni di casa al 5′, ma già al nono un grande contropiede di Pasinato valeva il pareggio. La disposizione difensiva biancomalva è stata particolarmente efficace e per tutto il primo tempo non ha concesso più nulla. Prova e riprova, il Colombaro sfonda centralmente al 63′, con De Rienzo. Ancora una volta, però, gli ospiti hanno agguantato il pari, con la già citata incornata di Di Biagio su angolo di Bollmann.
«Mancavano venti minuti. Ci abbiamo creduto», ammette Fernando. Invece, nel finale, il Colombaro ha messo in mostra il suo valore, segnando con Carp e Animento le due reti decisive. «Se lotteremo come oggi possiamo davvero ambire a restare in VI Serie», dice orgoglioso Di Biagio.

La giornata in Serie VI.931 – Villa d’Agri-Gufoccer 2-2, Rapid Vikings-Roman Vipers 4-3, F.C. Berdox-The Haslets 0-5.

Classifica – 1º The Haslets 6 punti (+9); 2º Gufoccer 4 (+3); 3º Borgomalva F.C., Colombaro F.C. 3 (-1); 5º Rapid Vikings 3 (-3); 6º Villa d’Agri 2 (=); 7º Roman Vipers 1 (-1); 8º F.C. Berdox 0 (-6).

Cannonieri – 1º Sami Yil-Parkas (Rapid Vikings) 3 reti; 2º Giampaolo Pavano, Cesare Montefiori, Guarino Sibani, Andrea Camasta (The Haslets), Giannino Mastromatteo (Roman Vipers), Birger Nervik (Villa d’Agri) 2.

0

1ª giornata – Epica rimonta: prima vittoria in VI Serie

Un Borgomalva commovente ottiene una straordinaria quanto meritata vittoria, nella partita d’esordio in VI Serie.
Lewis Grantham si è presentato in sala stampa con gli occhi lucidi, dopo il 3-2 in rimonta rifilato al F.C. Berdox. «Sappiamo che la strada verso la salvezza è come una parete di roccia – ha premesso il tecnico inglese -. Iniziare bene, in casa, contro l’altra neopromossa, era indispensabile. Ci siamo riusciti, nonostante il valore dell’avversario e nonostante il doppio svantaggio. Non posso che ringraziare i ragazzi. Hanno dimostrato di essere una squadra con gli attributi».
I biancomalva sono probabilmente la squadra più debole del girone: di certo sono, di gran lunga, quella con meno storia e meno esperienza. Solo le alchimie di Grantham potranno portare i “muli” all’agognato spareggio-salvezza, che pure era e resta un lontano miraggio.
La coperta è corta: quest’oggi l’allenatore del Borgomalva ha deciso di coprire molto bene la zona mediana del campo. «Dovevamo controllare il gioco. Era l’unico modo per impedire al loro grande attacco centrale di farci male». Lo spauracchio rumeno Adrian Pârvescu – un centravanti da155 reti (di cui 135 con i grigioblu marchigiani) – era giustamente considerato immarcabile: «L’unica era tagliargli i rifornimenti di palloni».
Per rispondere al 3-5-2 classico degli ospiti, Grantham avrebbe potuto coprirsi: ha preferito invece irrobustire molto il centrocampo, con un 2-5-3 attentissimo in mediana. Ilic, Patinato e Natov (inedito trio di centrocampisti) sono stati supportati da Bonetti (ala interna), Gudas (ala) e soprattutto da due trequartisti: il fantasista Del Nero e la sorpresa Pologea, schierato in un ruolo del tutto inedito per lui. Il tedesco Bollmann – in forma smagliante, nonostante i 35 anni – si è proposto come difensore d’impostazione, con le spalle coperte da Mangini. Centravanti di sfondamento il solito Gottarelli, che si rivelerà, come spesso succede, il migliore in campo.
L’inizio è tutto biancomalva. Del Nero ha due palle-gol e le fallisce entrambe di un soffio. Al 21’, forse sbilanciato da Gudas, si fa male seriamente alla caviglia destro il 39enne lettone Bronislav Chizhikov. Il tipo d’infortunio e l’età dell’esterno baltico non lasciano alcuno spazio all’ottimismo: una prima diagnosi parla di tempi di recupero pressoché infiniti, 18 settimane. Carriera finita per lui. «Mi spiace tantissimo per l’accaduto», dice con sincerità Lewis Grantham.
Il Berdox, per un attimo, sembra scomporsi. Gottarelli coglie un legno clamoroso a portiere battuto. I marchigiani, però, passano alla prima occasione della loro gara. È il centrocampista Roberto Cabrini, un campione da 25.000 euro di stipendio a settimana, a proiettarsi sulla destra e a fulminare Morales al 31’. Come se non bastasse, negli spazi aperti da Pârvescu, s’infila il greco Archontakis, una punta di valore certo inferiore ma lesta abbastanza da realizzare, sessanta secondi dopo, uno 0-2 che sembra letale.
L’orgoglio dei “muli”, però, ha le fattezze di uno degli idoli della tifoseria: il bulgaro Nikolay Natov, che si conquista lo spazio necessario e – al 41’ – accorcia le distanze, rendendo meno cupa l’atmosfera in spogliatoio.
Nella ripresa, il centrocampo non lascia più neanche un’occasione agli avversari. Al 50’ è Gottarelli a far esplodere lo Stadio del Borgo con un diagonale rasoterra dei suoi. Poi solo un grande Del Vecchio si oppone al sorpasso al 68’, ancora sul centravanti biancomalva.
Grantham completa il capolavoro al 72’, dando fiato a Mangini e Natov, sostituiti da Gabellone e Di Biagio. Un minuto dopo, i nuovi equilibri portano Ilic a sferrare il colpo del ko. È un 3-2 storico, protetto fino al 91’. Giro di pista davanti al 29.822 dello Stadio del Borgo: forse saranno le uniche soddisfazioni della stagione, ma questa è la seconda in quattro giorni.

La giornata in Serie VI.931 – Gufoccer-Colombaro F.C. 3-0, Roman Vipers-Villa d’Agri 2-2, The Haslets-Rapid Vikings 5-1.

Classifica – 1º The Haslets 3 punti (+4); 2º Gufoccer 3 (+3); 3º Borgomalva F.C. 3 (+1); 4º Villa d’Agri 1 (=), Roman Vipers 1 (=); 6º F.C. Berdox 0 (-1); 7º Colombaro F.C. 0 (-3); 8º Rapid Vikings 0 (-4).

Cannonieri – 1º Guarino Sibani (The Haslets) 2 reti.

0

Coppa Italia (1) – Muli strepitosi, trionfo ai rigori

Uno straordinario Borgomalva bagna l’esordio in Coppa Italia con una prestazione tutta cuore e orgoglio, battendo la Dynamo Lenin nel primo turno della competizione. Una gara forse irripetibile, in cui i “muli” – di gran lunga meno forti degli avversari – sono riusciti a capitalizzare le occasioni create e hanno trascinato gli abruzzesi ai calci di rigore, risultando infallibili.
La priorità, per Lewis Grantham, è allenare in difesa i talenti Pasinato e De Martini, affiancati dai più esperti Di Biagio e Bonetti. Sulla linea difensiva di sinistra, però, schiera l’esperto Erhard Bollmann, con davanti l’altro nuovo acquisto Tautminas Gudas, a formare un trenino offensivo irrobustito da Gottarelli, nell’insolita posizione di attaccante esterno. In mediana, il trio Ilic, Natov e Pologea cerca di non concedere tutto il possesso palla agli avversari.
La Dynamo Lenin – società alla quinta stagione in sesta serie – propone inizialmente un 2-5-3 che prende il pallino del gioco ma non abbastanza da dominare e si scontra con il muro difensivo biancomalva. Difesa ancor più chiusa del previsto, perché al 2’ Bollmann – con un’incornata su angolo di Bonetti – saluta il suo nuovo pubblico con un gol fulmineo quanto importante.
Il Borgomalva ci crede: sa che serve un miracolo ma l’undici di Grantham ha fatto di tutto per meritarselo. Morales è in giornata ed effettua al 17’ la prima di una lunga serie di parate. Ma i padroni di casa non stanno a guardare e con Pasinato impegnano Bagher.
Il pareggio arriva al 34’ ad opera del difensore centrale Apeldoorn. Morales evita il sorpasso, poi l’arbitro nega un rigore, apparso netto, per fallo su Gottarelli.
Non soddisfatto dell’andamento della gara, l’allenatore della Dynamo Lenin ridisegna i suoi, sostituendo tre elementi nel primo quarto d’ora dalla ripresa e passando al 2-5-3. Le occasioni fioccano, Morales si esalta, l’arbitro, ancora lui, non vede un altro penalty per un’intervento scomposto su Gottarelli.
Nel finale, tanta concitazione, un paio di contropiede sbagliati e due cambi per Grantham: fuori De Martini, dentro Lombisani; fuori Natov (esausto), dentro Del Nero.
I supplementari sono una battaglia. Il Borgomalva vola sulle ali dell’entusiasmo quando Bonetti indovina la ripartenza e, al 93’, riporta avanti i suoi. Appena 120 secondi dopo, però, Pezzoli fredda lo stadio del Borgo, realizzando il 2-2. Un risultato che non cambierà più. Si deve ricorrere al dischetto.
Bollmann apre la serie dei rigori con esperienza e freddezza. Pezzoli provoca Morales ma realizza immediatamente il pareggio.
La calma di Gudas vale il 4-3: se i nuovi acquisti servivano a dare spessore e tranquillità, gli ingaggi sono stati azzeccati. Kutubayev imita Pezzoli: Morales non ci arriva di nuovo e ora è davvero nervoso.
Gli uomini di grande esperienza sono finiti: tocca dunque al rigorista Bonetti, che non sbaglia. Delpino è altrettanto bravo, ma questa volta Morales si supera e para la conclusione! Dopo tre rigori è 5-4 per il Borgomalva!
Tocca a Gottarelli: non è uno specialista, ma ha carattere e classe. Gol! Panigutto è chiamato a tenere accese le speranze degli ospiti: la pressione lo tradisce, il pallone finisce fuori e il Borgomalva si qualifica clamorosamente per il secondo turno della Coppa Italia. Quella vera!
Migliore in campo Erhard Bollmann: davvero un acquisto azzeccato. «Sono felice di essere subito entrato nel cuore dei tifosi – ha detto il tedesco in sala stampa -. Sappiamo che sarà una stagione durissima, ma vogliamo la salvezza: e un turno in più in Coppa Italia ci sarà di grande aiuto per lo spirito di squadra».

0

11ª giornata – Borgomalva non dà scampo a Los Santos

Era “la” partita. Dal match di andata, perso dolorosamente e immeritatamente 4-1, i ragazzi di Lewis Grantham aspettavano la rivincita di oggi. E non si sono fatti sfuggire l’occasione.
Il Borgomalva F.C. si è imposto 6-2 sui valenti veneziani, esercitando un dominio netto a centrocampo, indispensabile per tenere a bada il magnifico attacco centrale degli ospiti. Per riuscirci, Grantham ha arretrato Del Nero in mediana, insieme a Ilic e Pologea, con Stefanelli nell’inedita posizione di trequartista dietro Leonettin e Grantham. Bonetti e Levorato sulle ali e Gabellone e Natov davanti a Morales hanno completato un undici inedito ed efficace. Il 4-3-3 di Los Santos ha puntato tutto sullo sfondamento centrale: poteva essere una buona strategia, ma si è rivelata non sufficiente.
La partita è stata incanalata sui giusti binari sin dal primo tempo, quando Bonetti (due volte su rigore) e Gottarelli hanno scavato il primo solco (3-1, rete ospite di Herchen). Il punteggio è “raddoppiato” nella ripresa: il 3-2 di Manfredini non ha spaventato Natov e compagni, che hanno dilagato con Gottarelli e Leonetti (doppietta).

Classifica: 1º Vickymonza 31 punti; 2º Borgomalva 21; 3º Ciapafusal 18; 4º Los Santos 17; 5º Real Caturano 15; 6º I famosi pazzi, Baby Team 13; 8º Castelvetro 0.

0

10ª giornata – Partita stregata, il Ciapafusal vince 5-0

Nessuno fa drammi, in casa biancomalva: il secondo posto in solitaria è preservato e poi nessuno fa mistero, al Borgo, che la promozione non è (ancora) nei piani del club. Perdere 5-0 sul campo del Ciapafusal, però, fa male: non foss’altro perché il risultato, in queste proporzioni, è del tutto bugiardo.
«Sono quelle partite in cui c’è poco da fare. Ogni occasione per gli avversari è un gol mentre tu, nonostante il gioco espresso, non riesci a costruire nulla di pericoloso», è il riassunto di Lewis Grantham. Non è la prima volta, però, che i “muli” incappano in giornate simili. «La sconfitta ci sta, giocavamo a casa loro in uno stadio gremito. Tuttavia sarebbe stato più equo un 3-2. Altro che 5-0!», afferma, scornato, Salvatore Leonetti, che nel finale ha rimediato un giallo.
E dire che il Borgomalva aveva preparato bene la partita, proponendo un 3-5-2 coperto proprio per non prendere “imbarcate”. Ora ci sono sette giorni per pianificare il prossimo match casalingo, con Los Santos: c’è da vendicare una sconfitta – quella sì – davvero immeritata, all’andata.

0

9ª giornata – Gli eroi del Borgo trionfano in dieci e senza portiere

Ci sono quelle vittorie che valgono doppio, perché vanno al di là del mero aspetto agonistico. Il trionfo odierno, maturato allo Stadio del Borgo contro il Real Caturano, è una di esse. La ragione? I biancomalva hanno mostrato carattere, orgoglio e spirito di sacrificio, piegando 3-0 un’avversaria di valore (prima della gara i due team erano appaiati al secondo posto, con 15 punti) nonostante condizioni che definire avverse sarebbe poco. I ragazzi di Grantham hanno infatti giocato senza il loro centravanti titolare, Gottarelli, infortunato. Poi – per ben 73 minuti – hanno dovuto lottare in dieci per l’espulsione del suo sostituto, Stefanelli, apparsa in presa diretta davvero esagerata. Infine, sono riusciti a proteggere il successo nonostante un problema serio al ginocchio occorso al portiere Morales: e siccome anche Parolini è in infermeria, gli ultimi 13 minuti sono stati giocati in porta da Luigi Amorese. Ci credereste? Il punteggio, in questo frangente, è passato da 1-0 (rete di Ilić) a 3-0 (gol di Robbiati, in formissima, e di Leonetti).
«Sono orgoglioso di essere capitano di questa squadra – ha affermato in inglese il bulgaro Natov -. Raramente, nella mia lunga carriera, ho avuto compagni così carichi di grinta».

0

8ª giornata – “Muli” spregiudicati, ne fanno sette alla sagra del gol

C’era chi temeva, a ragione, il secondo appuntamento in otto giorni con I Famosi Pazzi. Andare a Bari contro i biancoblu con la testa a quanto accaduto al Borgo la settimana scorsa (agevole 6-0) poteva riservare insidie a profusione.
Lewis Grantham ha deciso di forzare la mano e di plasmare la squadra all’arrembaggio: 2-5-3, con Natov confermato in mediana, e nessuna paura di subire reti. L’importante, ovvio, era farne una di più. Addirittura si è giunti al 3-7, risultato troppo severo per i baresi, capaci di chiudere la prima frazione sul 3-2 (gol piemontesi di Bonetti e Gottarelli). La ripresa, insomma, è stata travolgente: Leonetti e Del Nero hanno ribaltato il risultato; con Di Biagio a dare fiato a Gabellone e Robbiati al posto di Natov, il finale si è tinto di biancomalva e sono andati ancora in rete Bonetti, Del Nero e Bonetti (quest’ultimo, dunque, autore di una tripletta).
«Abbiamo vinto, largamente, una partita in cui eravamo sotto a centrocampo – ha evidenziato Patrizio Gottarelli -. Segno che possiamo giocare in molti modi diversi, perché abbiamo più di una freccia al nostro arco».

0

6ª giornata – Non basta Natov: Borgomalva ancora sfortunato

Un’altra sconfitta immeritata, in trasferta, chiude definitivamente ogni speranza di primo posto per il Borgomalva F.C., che ora dovrà impostare un campionato umile e modesto, programmando magari la prossima stagione. Il 3-2 maturato sul campo del Real Caturano non assume i contorni del “furto”, come il ko di quindici giorni fa, ma punisce eccessivamente la squadra che – tutto sommato – ha fatto di più per cercare la vittoria. «Non è stagione», allarga le braccia, scuro in volto, Lewis Grantham.
Le premesse erano diverse. In Campania, la passata stagione, finì 4-0, ma è passata molta acqua sotto i ponti e il Borgomalva è cresciuto più del Real. Grantham decide di giocarsela e cambia assetto: Del Nero torna a fare il trequartista, dietro Leonetti-Gottarelli, mentre a centrocampo c’è spazio per il bulgaro Natov, accanto a Ilic e Pologea. Morales è di nuovo titolare in porta.
Lo stadio è gremito, il cielo cupo. L’inizio dei padroni di casa è arrembante e il bomber Alfredo Moreno Clérigo timbra il cartellino al 5′. I “muli” sono tramortiti: serve l’esperienza di un campione. È Nikolay Natov, a suo agio nella posizione più avanzata, a firmare il pareggio e il sorpasso, di piede e di testa, tra il 16′ e il 19′.
La gara, però, si mantiene aperta e divertente. Passano appena cinque minuti e l’iraniano Younes Shadkami infila il 2-2. Poi Mpletsas fallisce il ribaltone, imitato – sull’altro fronte – da Gottarelli.
Il primo tempo si chiude su un equo 2-2. È nella ripresa che la buona sorte premia il Real Caturano. Shadkami indovina il rasoterra al 49′, riportando avanti i campani. Nonostante l’infortunio di Moreno Clérigo, sostituito dal 39enne Zarucchi, i campani addormentano il gioco, rischiano solo su spunto di Natov e addirittura falliscono il 4-2 in contropiede.
I cambi di Grantham, disposti per dare fiato nel finale ai più anziani (Gabellone e Natov sono rilevati da Di Biagio e Robbiati), non sortiscono effetto. La sconfitta è dolorosa, perché nella ripresa il Borgomalva avrebbe decisamente meritato di più.

Classifica: 1º Vickymonza 16 punti; 2º Real Caturano 12; 3º FC Ciapafusal, Los Santos 11; 5º Borgomalva F.C. 9; 6º I famosi pazzi 6; 7º Baby Team 4; 8º Fcb Castelvetro 0.
Marcatori: 1º Manuel García Moreno (Vickymonza) 8 reti; 2º Ottfried Härtling (I famosi pazzi) 7; 3º Dan Mecleş (FC Ciapafusal), Alfredo Moreno Clérigo (Real Caturano) 6.

0

3ª giornata – Sfida al vertice alla pari, la spunta il Vickymonza

«Era una partita da tripla. Ce la siamo giocata e abbiamo perso. Spiace, facciamo i complimenti al Vickymonza e guardiamo avanti». Lewis Grantham anticipa ogni possibile polemica del dopogara e, in conferenza stampa, accetta il verdetto del campo senza discussioni. «La loro vittoria non fa una grinza. Se avessimo vinto noi non ci sarebbe stato nulla di scandaloso. Sono stati bravi a realizzare tutte le occasioni avute nel primo tempo, mettendo in crisi la nostra impostazione offensiva. A noi è mancata un pizzico di fortuna e la lucidità per concretizzare la mole di gioco creata».
Il Borgomalva F.C. si è presentato allo scontro al vertice con tutti gli uomini a disposizione e con la volontà di provarci. Gli ospiti lombardi, provenienti dalla VI Serie, valgono ancora la categoria superiore, ma i biancomalva, giocando al 100 per cento, tra le mura amiche, avrebbero potuto creare loro più di un problema. «Volevamo prendere le redini del gioco e ci siamo riusciti. Ma avevamo una possibilità di vittoria e passava per il gol. Abbiamo difettato e siamo stati puniti», commenta desolato Cristian Pologea, al rientro da titolare dopo un lungo periodo di scarsa forma.
Il 2-5-3 dei “muli” prevedeva Parolini confermato in porta, Natov e Gabellone soli in difesa, Bonetti, Ilic, Pologea, Del Nero e Levorato in mediana, Stefanelli, Gottarelli e Leonetti in avanti. Il 3-5-2 brianzolo si è dimostrato più equilibrato e soprattutto spietato in attacco: al 13′ ha segnato il bomber cileno García Moreno, al 14′ ha fallito il pareggio Del Nero, al 35′ ha raddoppiato Gigio e al 41′ ha fatto tris ancora García Moreno. Alla fine del primo tempo, lo 0-3 aveva ormai assegnato i tre punti.
La ripresa è servita per salvare l’onore, impresa riuscita a Nikolay Natov, grazie a un colpo di testa che è valso la sua prima marcatura con il Borgomalva. Da registrare un gran tiro dalla distanza di Levorato («Ci stiamo lavorando…») e l’infortunio, lieve, a Leonetti, rilevato da Grantham.

0

2ª giornata – Bonetti trascinatore, Borgomalva perfetto

Antonio Bonetti ha vissuto oggi la sua migliore giornata di sempre in biancomalva, segnando una tripletta favolosa nella prima ora di gioco di Borgomalva-Baby Team, poi conclusasi sul 6-0. Una gara giocata in modo perfetto dai ragazzi di Lewis Grantham, capaci di condurre il gioco costantemente, di superare la munitissima difesa ospite e di rintuzzare ogni contropiede avversario.
Grantham ha azzeccato ogni mossa: Parolini titolare in porta al posto di uno spento Morales (che può comunque rifarsi in Coppa delle Alpi), difesa a due con Gabellone (rilevato al 75′ da Mangini) e Natov, centrocampo con atleti offensivi come Ilic e Del Nero e un equilibratore come Di Biagio, Levorato e Bonetti a far danni sulle ali, tridente d’attacco formato da Stefanelli-Gottarelli-Leonetti.
I neroverdi siciliani, retrocessi dalla VI Serie, si sono affidati a un 5-2-3 con delle potenzialità, ma da affinare.
È stato un match molto diverso da quello – agevolissimo – di sette giorni fa. Qui l’avversario era bello tosto, ma i “muli” sono eguarlmente riusciti a dilagare e a non subire reti. Dopo l’hattrick di Bonetti (un gol su rigore e uno su punizione) hanno timbrato il cartellino Levorato, Gottarelli e Del Nero.
In classifica il Borgomalva guida appaiato al Vickymonza, grande favorito per il titolo, a 6 punti; seguono il FC Ciapafusal a 4; il Real Caturano e I Famosi Pazzi a 3; il Los Santos UC a 1. Fermi a 0 Baby Team e Fbc Castelvetro.