Stagione 45 Archive

0

La Grande Festa!


L'ingresso in campo del River.

Come da copione il River domina anche contro la Vis Lazio e festeggia nel migliore dei modi la conquista del titolo e della promozione in VI° serie; sugli spalti 30 mila tifosi biancorossi festanti (nel video l’accoglienza riservata ai giocatori al momento dell’ingresso sul terreno di gioco) che non potevano chiedere di meglio alla squadra per questa stagione. Secondo titolo consecutivo, seconda promozione consecutiva ma soprattutto un’imbattibilità interna che dura ormai da 17 partite.
Ora le meritate vacanze in attesa di conoscere i prossimi avversari del River e cercare di essere protagonisti anche il VI°.

Le parole di Géry a fine gara: “Devo nuovamente fare i complimenti a questi ragazzi per l’approccio alla gara ma soprattutto per le grandi gioie che mi e ci hanno dato quest’anno. La festa è tutta per loro ed è giusto che sia così. Se la meritano.

 

L’accoglienza dei “Los Millonarios” riservata ai propri beniamini.

 



Le pagelle del fine settimana.

 

Data: 25-06-2011

Club Atlètico River Ale – S.S.Vis Lazio
River Coliseum (30.000)

Marcatori: 29′ Azrul Amri bin Abd Malek (Clu), 32′ Dani Burch (Clu), 67′ Azrul Amri bin Abd Malek (Clu), 74′ Jakub Karpiej (Clu), 76′ Dani Burch (Clu)

 

Club Atlètico River Ale – Peter Svensson (7), Jason Sturmfelz (6.5), Matthieu Géry (6.5), Gary Gaskins (7), Danny Brunner (7), Jerzy Kocot (8), Roberto Simionato (7.5) (dal 65′ Koby Regev (6)), Jakub Karpiej (7.5), Azrul Amri bin Abd Malek (8.5) (dal 81′ Emilio Llambias (6.5)), Valerio Avesio (8.5) (dal 72′ Gabriel Goff (7)), Dani Burch (8).

A disposizione:Edward Msomi, Marco Rizza

 

S.S.Vis Lazio – Stefano Mazzia (5), Kristof Denuwelaere (5), Daniel Klode (5.5), Flávio Tibiriçá (5.5), Mads Malling (5.5), Nicola Pasquino (6), Hank Kaiser (7), Mario Federico Tangianu (6.5), Fabian Harlander (5.5), Andrea Scardia (5), Gil Sevilia (6).

A disposizione: Simone Carozzi, Ismael Ferreiro, Massimo Fantoni, Edgardo Vergnasco


Fonte hts-press (www.htstickers.com)

 

0

Dieci e Lode!


Dani Burch sigla la rete del vantaggio ed allunga in classifica marcatori.

Non conosce soste la marcia trionfale dei biancorossi. Anche la polisportivaganja si inchina al River. Decima vittoria consecutiva ottenuta in rimonta sul campo della seconda in classifica e festa pronta in vista dell’ultima sfida della stagione. Sotto di un gol dopo 20 minuti la squadra ha immediatamente reagito raggiungendo il pareggio con Malek e passando in vantaggio con Burch autore della 12° rete stagionale e sempre più vicino al titolo di capocannoniere. Nella ripresa anche un legno colpito da Avesio.
Lasciate da parte le polemiche settimanali, nella corsa al secondo posto è ora tutto nelle mani di Amt2 capace di compiere l’impresa sul campo di un BONATE irriconoscibile.

Le parole di Géry a fine gara: “Devo fare i complimenti ai ragazzi perchè nonostante tutto hanno affrontato la gara come se fosse ancora in gioco tutto; magari qualcuno poteva pensare che una volta ottenuto il successo avremmo affrontato la gara odierna con uno spirito diverso ma così non è stato. Ora prepareremo al meglio la sfida di sabato prima di lasciarci andare alla festa finale.

 

Le pagelle del fine settimana.

 

Data: 18-06-2011

polisportivaganja – Club Atlètico River Ale
smokedarena (26.863)

Marcatori: 21′ Áron Dani (pol), 28′ Azrul Amri bin Abd Malek (Clu), 32′ Dani Burch (Clu)

 

polisportivaganja – Paolo Venturato (7), Erkki Kari (6), Franz Eschbach (6.5), Hacı Rakkas (5.5), Ruben Duque (5.5), Manuel Puliga (7.5), Philibert Otten (6.5), Áron Dani (7), Joaquín Fonte (6), Plutarco Espejel (7.5) (dal 61′ Nicola Pietragalla (6.5)), Gigi De Capoa (6.5).

A disposizione:Tommaso Cristiano, Pekka Laihinen, Paulinho Mazzonetto, Manuel Carmignani

 

Club Atlètico River Ale – Peter Svensson (6.5), Dag Bakken (6.5), Jason Sturmfelz (6.5), Gary Gaskins (6.5), Danny Brunner (6.5), Léo Jérôme (6.5), Jerzy Kocot (7.5), Roberto Simionato (6.5) (dal 78′ Marco Rizza (6.5)), Azrul Amri bin Abd Malek (7.5), Valerio Avesio (8), Dani Burch (7.5) (dal 65′ Gabriel Goff (6.5)).

A disposizione: Edward Msomi, Matthieu Géry, Emilio Llambias

 

Fonte hts-press (www.htstickers.com)

 

0

Le pagelle del trionfo!

La festa dei “Los Millonarios” prima del triplice fischio finale.

 

Data: 11-06-2011

Club Atlètico River Ale – A.C. BONATE SOTTO
River Coliseum (30.000)

Marcatori: 7′ Azrul Amri bin Abd Malek (Clu), 9′ Dag Bakken (Clu), 35′ Jerzy Kocot (Clu), 51′ Valerio Avesio (Clu), 67′ Aleksander Onoszko (ACB)

 

Club Atlètico River Ale – Peter Svensson (7), Dag Bakken (7), Jason Sturmfelz (6.5), Gary Gaskins (6.5), Danny Brunner (6.5), Léo Jérôme (7), Jerzy Kocot (8), Roberto Simionato (6) (dal 78′ Koby Regev (6)), Azrul Amri bin Abd Malek (7.5), Valerio Avesio (8.5), Gabriel Goff (6.5).

A disposizione:Edward Msomi, Matthieu Géry, Emilio Llambias, Dani Burch

 

A.C. BONATE SOTTO – Franck Espa (5), Francisco Martínez Rueda (5), Rui Calheiros (7), Miguel Buixaderas (6), Aleksander Onoszko (7.5), Detlef Gutmann (7), Paco Palomeque (6.5), Darko Purgar (5) (dal 80′ Glauber Nocetti (5.5)), Mats Orenborg (6.5), Alberto Aboim (6.5) (dal 80′ Shreyas Purohit (6)), Gints Vecroze (7.5).

A disposizione: Giovanni Colluto, Ivano Bissacco, Gelsomino Manfrin

 

Fonte hts-press (www.htstickers.com)

 

0

IL POKER E’ SERVITO! IL RIVER SBARCA IN VI.

Promozione e titolo ottenuti con due giornate di anticipo.
Partita straordinaria e grande festa sugli spalti del River Coliseum.

La gioia dei giocatori a fine partita.

Al primo match point disponibile il River tira fuori dal cilindro una prestazione perfetta. Quattro gol, un palo e poche occasioni concesse al BONATE venuto al Coliseum con la speranza di riaprire i giochi ma tornato a casa con la festa dei tifosi biancorossi ancora ben impressa nella mente. Al triplice fischio trentamila tifosi impazziti di gioia hanno dato il via alla festa in campo con i propri beniamini per festeggiare il secondo trofeo consecutivo della storia del River e la storica promozione in VI° serie.
Le reti del 4-1 finale sono state messe a segno da Malek, Bakken, Kocot ed Avesio. 

Le parole di Géry ai microfoni dei cronisti: “Il giusto premio per una stagione quasi perfetta. Dopo un avvio altalenante abbiamo trovato il giusto equilibrio in campo tra i vari reparti ed abbiamo disputato un campionato perfetto; penso che il titolo e la promozione siano meritatissimi anche se magari non me li sarei aspettati con due giornate di anticipo. Meglio così comunque per noi e per i nostri tifosi con i quali festeggeremo a lungo oggi e domani…sono stati fantastici!!
A bordo campo anche un soddisfattissimo presidente AlessioSono senza parole. Vedere questa gente festeggiare qui quest’oggi è qualcosa di fantastico. Un ringraziamento speciale a tutti, giocatori, tecnico, staff, tifosi! Se due mesi fa mi avreste detto che il River avrebbe vinto il campionato vi avrei preso per matti! Ed invece dopo un avvio stentato il mister ed i ragazzi hanno disputato un campionato perfetto. Pronti per una VI°? Cercheremo di esserlo come lo siamo sempre stati finora ma vorrei non pensarci per le prossime tre settimane!

0

Le pagelle di Amt2 – River.

Data: 04-06-2011

Amt2 – Club Atlètico River Ale
Amt2 arena (35.726)

Marcatori: 30′ Azrul Amri bin Abd Malek (Clu), 64′ Gabriel Goff (Clu)

 

Amt2 – Torcuato Boal (8.5), Brás Vasconcelos e Sousa (7), Leopold Holtrust (6), Ovidiu Roman (6.5), Koppány Simon (6.5), Diego Possamay (6.5), Dániel Rottenbiller (5), Juha Seilo (7), Luigi Massimo Civa (5), Joaquín Matellán (7.5), Steeve Charles (6.5).

A disposizione: Cristian Damián Pilín, Julien Marre, Cassio Avanzini, Luca Salis

 

Club Atlètico River Ale – Peter Svensson (6.5), Jason Sturmfelz (6.5), Matthieu Géry (6), Dag Bakken (6.5), Gary Gaskins (7), Léo Jérôme (6.5), Jerzy Kocot (6.5), Roberto Simionato (6.5) (dal 72′ Koby Regev (6)), Azrul Amri bin Abd Malek (7.5) (dal 75′ Danny Brunner (6.5)), Valerio Avesio (8) (dal 64′ Dani Burch (7)), Gabriel Goff (7).

A disposizione:Edward Msomi, Giuseppe Morelli

 

Fonte hts-press (www.htstickers.com)

 

0

E’ quasi sesta!


Le giocate di classe di Gabriel Goff.

I giochi sono fatti. O almeno sulla carta sembrerebbero. Un solo punto per festeggiare la promozione matematica in VI° serie, la seconda consecutiva dopo quella della passata stagione, e tre per la matematica certezza di mettere in bacheca il secondo trofeo della storia del River. In realtà potrebbe bastare anche un punto ma non è da River fare calcoli; sabato contro il BONATE vi è la concreta possibilità di festeggiare davanti ai proprio tifosi.
Da domani scatterà la caccia al prezioso tagliando che tutti i tifosi del River vorrebbero avere; attesi 30 mila tifosi sugli spalti per spingere i propri beniamini verso il titolo e dare vita alla successiva festa.

Ma torniamo alla gara di campionato contro Amt2, da molti critici definita come la miglior partita della stagione biancorossa.
Géry manda in campo l’ormai collaudato 3-5-2, affidando a Simionato, Jérome e Kocot le chiavi del centrocampo; unica variante rispetto alle ultime gare è la scelta di Goff al posto di Burch.
In avvio succede ben poco se non un’occasione per parte generate per lo più da errori delle rispettive difese.
Alla mezz’ora il River spinge il piede sull’acceleratore; Jérome sfiora il vantaggio con un gran tiro, ma la palla finisce sul palo esterno della porta difesa da Boal. Trascorrono pochi minuti e l’arbitro concede un calcio di rigore per il River in seguito ad un intervento dubbio in area di rigore; dopo le molte proteste dei padroni di casa è Malek a portarsi sul dischetto e realizzare la rete del vantaggio.

Sturmfelz bacia la maglia sotto il settore occupato dai tifosi biancorossi.

Nella ripresa Géry cambia la punta di peso lasciando in campo Goff tra lo stupore generale degli addetti ai lavori. E la scelta si rileverà azzeccata in quanto poco dopo il fantasista svizzero conclude al meglio una bella azione corale della squadra. 2-0 e gelo calato sugli spalti della Amt2 arena.
Con il risultato in cassaforte spazio anche a Brunner ed al rientrante Regev. Nel finale il River rischia di dilagare con Geskins ma è bravo Boal ad evitare un passivo pesante per i suoi.
Sabato prossimo il River Coliseum potrebbe vestirsi a festa!

 

La gioia dei “Los Millonarios” al momento del rigore trasformato da Malek.

 

0

LES JEUX SONT FAITS!

L'esultanza dei giocatori del River dopo la realizzazione del calcio di rigore.

La partita crocevia della stagione. Perderla avrebbe rimesso in discussione tutto, vincerla avrebbe chiuso i giochi; e “les jeux soint faits”! Un gol per tempo e il River espugna anche l’Amt2 arena davanti a 35.000 spettatori accorsi sugli spalti per spingere la squadra di casa verso l’impresa e il rilancio in zona promozione; invece negli occhi dei tifosi di casa sono rimaste ben impresse le giocate del River. A segno Malek su rigore e Goff nella ripresa per il 2-0 finale. Ora il vantaggio sulle inseguitrici è di 6 punti nei confronti del BONATE e di 8 nei confronti della polisportiva. Sabato il River Coliseum potrebbe vestirsi a festa!

Le parole di Géry: “Abbiamo disputato una delle migliori partite della stagione, forse la migliore, concedendo una sola azione ai nostri avversari. Siamo stati bravi a creare occasioni e a concretizzarle; due gol, un palo ed una grande parata del loro portiere. Di più ai ragazzi non potevo chiedere. Sappiamo ora che è tutto nelle nostre mani e sabato proveremo a festeggiare titolo e promozione davanti ai nostri splendidi tifosi.

0

Le pagelle del fine settimana.

Data: 28-05-2011

Club Atlètico River Ale – MauSoft
River Coliseum (27.214)

Marcatori: 21′ Danny Brunner (Clu), 22′ Lautaro Ezequiel Santanera (Mau), 29′ Dani Burch (Clu), 40′ Lautaro Ezequiel Santanera (Mau), 43′ Lautaro Ezequiel Santanera (Mau), 44′ Azrul Amri bin Abd Malek (Clu), 81′ Jerzy Kocot (Clu), 84′ Azrul Amri bin Abd Malek (Clu).

 

Club Atlètico River Ale – Peter Svensson (7.5), Dag Bakken (6.5), Jason Sturmfelz (6), Gary Gaskins (6.5), Danny Brunner (5.5) (dal 82′ Emilio Llambias (6)), Léo Jérôme (7), Jerzy Kocot (7), Roberto Simionato (7) (dal 72′ Franco Matarasso (6)), Azrul Amri bin Abd Malek (8), Valerio Avesio (8), Dani Burch (7.5) (dal 67′ Gabriel Goff (6)).

A disposizione: Edward Msomi, Matthieu Géry

 

MauSoft – Tzvika Narkis (6.5), Jari Semeikka (6.5), Raúl Tradacete (6.5), Giocondo Folli (6.5), Robin Bråthen (6.5), Robert Taxacher (7), Károly Lábas (5.5), Tim Greve (6), Kelly Gunderson (5.5), Loïc Auroux (6.5), Lautaro Ezequiel Santanera (8.5).

A disposizione: Roberto De Camillis, José Alberto Cabaços, Jørn Slet-Pedersen

 

Fonte hts-press (www.htstickers.com)

 

0

La squadra da battere.

Prove di fuga. I risultati odierni proiettano il River a +5 dalle inseguitrici e diventa ufficialmente la squadra da battere. Burch e compagni hanno dimostrato anche oggi grande carattere, grande concentrazione ma soprattutto una condizione atletica invidiabile che nel finale di gara ha permesso al River di ottenere tre punti pesantissimi per le sorti del campionato.

La splendida coreografia dei tifosi del River

Partita difficile e si sapeva; Géry alla vigilia lo aveva detto “inizia un ciclo terribile nel quale ci giochiamo il campionato” ma alla prima delle quattro partite designate dal tecnico francese come “decisive per le sorti del campionato” il River mette il turbo e se ne va!
In campo il solito 3-5-2 con la piacevole sorpresa per i tifosi biancorossi del recupero mattutino di Simionato; davanti il duo pesante Burch-Avesio preferiti alla tecnica di Goff per via della pesantezza del terreno di gioco.
Di fronte schieramento identico per MauSoft con Santanera a guidare l’attacco ospite.
I primi 45 minuti di gioco sono uno spettacolo puro messo in atto dai due schieramenti; ritmi elevatissimi con occasioni e gol da entrambe le parti.
A sbloccare il risultato ci pensa al 21° Brunner con una punizione millimetrica sotto l’incrocio. La gioia del vantaggio per i tifosi di casa dura giusto il tempo di rimettere la palla al centro; Santanera dimostra di essere in giornata super sovrastando nel gioco aereo la difesa del River e pareggiando subito i conti.
Il River non si scompone ed alla prima occasione ritrova il vantaggio con l’ormai collaudata coppia Malek-Burch; discesa sulla fascia destra, cross ed incornata vincente del capocannoniere de campionato. Gli ospiti accusano il colpo e vanno vicini alla capitolazione al 37° quando Jérôme sfiora la terza rete.

Ma il calcio è bello perchè strano e nel miglior momento del River, Ezequiel Santanera tira fuori dal cilindro due gol bellissimi nel giro di 3 minuti. Spettacolare la rovesciata con la quale, dopo aver segnato la rete del 2-2, porta in vantaggio MauSoft. Un uno-due micidiale che probabilmente avrebbe messo ko qualsiasi altra squadra, ma non il River delle ultime gare. Come accaduto a parti invertite, palla al centro e grande gol di Malek che con un’azione solitaria semina il panico nelle maglie della difesa ospite e deposita in rete la palla del 3-3.

L'esultanza di Malek sul 5-3 finale

Nella ripresa accade ben poco nei primi minuti. Da segnalare il valzer delle sostituzioni in casa River; forze fresche a centrocampo con Burch fuori per Goff e il rientrante Simionato per Matarasso ma la mossa non produce i risultati sperati. Spazi stretti nella zona nevralgica del campo ed occasioni che latitano.
Ma i ritmi elevati del primo tempo iniziano a farsi sentire sulle gambe dei giocatori ospiti; il mister tarda ad effettuare cambi e il River ne approfitta. Al minuto 81 una falla nella difesa destra degli ospiti permette a Jerzy Kocot di segnare la rete per il River Ale. Una rete pesantissima viste le difficoltà del secondo tempo ma soprattutto visti i risultati degli altri campi.
MauSoft accusa il colpo e come un pugile in difficoltà subisce anche il più classico dei KO; ci pensa Malek a mettere la ciliegina sulla torta con un bellissimo tiro al volo dal limite dell’area di rigore che manda in visibilio i 30 mila del Coliseum.

 

La gioia dei “Los Millonarios” al momento del gol del 4-3 messo a segno da Kocot.

 

 

0

PROVE DI FUGA!

L'urlo di Kocot dopo la rete del 4-3!

La partita era tra le più temute e le parole di Géry lo avevano annunciato. Primo tempo combattuto ed equilibrato dove le due squadre si sono affrontate a viso aperto; River in vantaggio due volte con Brunner prima e Burch poi ed in entrambi i casi pareggio ospite di Santanera che al 43° trova anche la tripletta illudendo i pochi tifosi ospiti al seguito. Importante per il River aver raggiunto immediatamente il pareggio con Malek prima dell’intervallo. Nella ripresa gara bloccata fino al 81° quando Kocot trova il guizzo giusto facendo esplodere di gioia i tifosi biancorossi. Risultato fissato sul 5-3 dal secondo gol di Malek. 

Ai microfoni dei cronisti un soddisfatto Géry: “Avevo detto che era una partita insidiosa e lo avete visto anche voi nel primo tempo. Ci hanno messo in difficoltà diverse volte ma siamo stati bravi a ribattere colpo su colpo e a non disunirci una volta in svantaggio. Nel finale di gara abbiamo sfruttato al meglio la nostra migliore condizione fisica; tre punti pesantissimi visti anche gli altri risultati.