L’intervista a Mainardi: “Il prossimo campionato è complicato.”

Intervista di fine stagione al tecnico di Ratox Gianluca Mainardi, capace con la sua squadra di vincere il campionato e automaticamente di essere promosso in settima serie.

LECCO, 17 Luglio 2011 – Pubblichiamo qui in esclusiva l’intervista di fine stagione di Gianluca Mainardi, tecnico di Ratox. (Intervista rilasciata l’8 Luglio)

D: Buongiorno Mister, ci parli un pò della sua prima stagione da tecnico. Pensava di poter fare sin da subito il colpaccio oppure questa sensazione è arrivata con il passare delle partite?

R: Mah, direi che è stata più una sensazione che è arrivata con il passare delle partite. Bisogna ammettere che siamo stati anche facilitati dalla crisi di Sballati, che da dopo la vittoria contro di noi è entrata in crisi e si è tirata via dalle posizioni di testa. Noi siamo stati bravi ad approfittarne e alla fine ce l’abbiamo fatta. Non ce lo saremmo mai aspettato però devo dire che tutti i ragazzi hanno lottato per questo obiettivo e alla fine è stata una vittoria meritata.

D: Quando però è stato in testa alla classifica ha mai pensato che poteva perdere tutto da un momento all’altro?

R: Si, direi dopo i 2 ko con Balrog e Deportivo, che sono arrivati dopo il 4-1 su Ceredanum. A Roma può capitare di perdere, è un campo difficile e loro sono molto forti, mentre in casa è stato un ko un pò più “clamoroso”, anche se il Deportivo è una squadra molto rispettabile. Comunque dopo sono arrivate 3 vittorie, di cui una a tavolino che ci hanno portato alla vittoria. Diciamo che a metà campionato avevamo il torneo in tasca, eravamo a +7, e abbiamo rischiato di buttare via tutto in 2 partite.

D: Parliamo della prossima stagione, quella del debutto in settima. Sarà un anno difficile?

R: Direi che sarà un’anno complicato. Cominciamo in casa con la Coppa Italia e 4 giorni dopo avremo, sempre in casa, il debutto contro l’altra neo-promossa, Marantz. Sarà fondamentale vincere in campionato perchè ci serviranno da subito importanti punti salvezza, la partita in Coppa non la snobberemo, ma non è così fondamentale per la stagione. Il nostro campionato è molto complicato e la differenza con l’ottava si sentirà: guardando le squadre che ci saranno nel nostro girone, direi che almeno 4 o 5 sono superiori a noi, dunque dovremo sudare per guadagnarci il sesto posto finale, che è l’obiettivo minimo.

D: Argomento mercato, è soddisfatto degli arrivi?

R: Abbiamo preso rinforzi solo in difesa, che l’anno scorso è stata bucata un pò troppe volte, ed inoltre andava svecchiata dato che era il reparto con l’età media più alta. Abbiamo preso Délétroz 2 mesi fa e nella pausa sono arrivati Cihak e Mahau. Il primo è un ottimo centrale, il secondo è un terzino 20enne che dovrà crescere per far vedere tutto il suo potenziale. Contiamo anche l’arrivo di Ancuta come quarta ala e poi il futuro arrivo di Mazzone come quarto attaccante e di Fabiano come sesto centrocampista e il gioco è fatto. Manca la cessione di Diop e poi il mercato è chiuso (Diop è stato ceduto il 14 Luglio a 521000 euro, ndr), per questa stagione. Comunque si, e ora rispondo alla prima parte della tua domanda, direi che sono soddisfatto, alla fine è arrivato ciò che volevo.

D: Il piano per la fine della prossima stagione sappiamo che è già pronto, potrebbe illustrarcelo?

R: Dobbiamo cambiare solo un paio di pedine. Dico solo che ci saranno 2-3 cessioni importanti che saranno validamente coperte, soldi permettendo. Vogliamo creare una squadra forte e soprattutto giovane e direi che possiamo farcela.

About Funda